fbpx
Via dell'Industria, 24 - 26010 Casaletto Vaprio (CR) - ITALY
‭+39 0373 86571‬
info@ggimage.ink

10 FATTI PER CELEBRARE L’INTERNATIONAL PRINT DAY

10 fatti per Celebrare l’International Print Day:

10 fatti per celebrare l’International Print Day 2021 che quest’anno si svolge il 20 ottobre 2021.

Logo dell’International Print Day 2021 #IDP2021

In concomitanza con la celebrazione dell’International Print Day, condividiamo 10 fatti su come è nato e si è sviluppato il settore del PRINTING.

10 fatti analizzati attraverso i numeri che vanno da un minuscolo 0,0092 mm² a un record di 5 miliardi:

1) Qual’è la dimensione dell’immagine più piccola mai stampata?

0,0092 mm²

La foto più piccola mai stampata - 0,0092 mm²: è la dimensione della più piccola immagine a colori stampata a getto d'inchiostro di sempre secondo il Guinness World Record.

0,0092 mm²: è la dimensione della più piccola immagine a colori stampata a getto d’inchiostro di sempre secondo il Guinness World Record. 

La stampa, che è equivalente a un singolo pixel di un retina display (quelli usati da Apple per alcuni dispositivi) o alla sezione di un capello umano, era un’immagine con di 3 Pesci Pagliaccio intorno a un anemone marino. 

È stata realizzata da un team di otto persone a Zurigo, in Svizzera, nel 2015.

L’immagine stamata conteneva almeno 256 colori ed è stato raggiunta grazie a una tecnologia rivoluzionaria di stampa definita 3D NanoDrip printing technology.

2) Quante volte può essere riciclata la carta?

7

7 è il numero magico. La carta vecchia può essere portata al macero per sette volte di seguito – questo se si tratta di carta da stampa di alta qualità.

7 è il numero magico. La carta vecchia può essere portata al macero per sette volte di seguito – questo se si tratta di carta da stampa di alta qualità.

La carta da giornale, il cartone ondulato e il cartoncino che si trova sul fondo dei block notes possono essere riciclati solo tre, massimo quattro volte.

La sua capacità di essere riciclata si riduce dopo ogni processo di riciclo poiché è costituita da fibre lunghe e ogni volta che viene riciclato, le fibre si accorciano. 

Dopo cinque o sette utilizzi, le fibre diventano troppo corte per essere trasformate in carta per stampanti, ma la sua vita non si ferma qui in quanto può essere utilizzata per giornali o cartoni delle uova. 

Ricordatevi quando stampate che la durata della carta della stampante può essere estesa tramite la stampa fronte/retro.

3) Quando fu inventata la Stampa?

1041 – 1453

nel 1041 I caratteri mobili furono inventati in Cina durante la dinastia Song da Bi Sheng che utilizzò caratteri incisi nella porcellana, induriti nel fuoco e assemblati in resina per riprodurre testi su un supporto di carta.

Il primo libro ad essere stampato con la nuova tecnica fu la “Bibbia a 42 linee” e in 3 anni furono riprodotte 180 esemplari di cui 48 sono arrivati a noi.

1453-55 sono gli anni in cui fu introdotta dall’orafo tedesco Johannes Gutenberg  in Europa questa tecnica che utilizzo caratteri mobili in metallo.

Il primo libro ad essere stampato con la nuova tecnica fu la “Bibbia a 42 linee” e in 3 anni furono riprodotte 180 esemplari di cui 48 sono arrivati a noi.

Il contributo di Johannes Gutenberg all’evoluzione della parola stampata gli valse il soprannome di “padre” della stampa.

4) Quando fu stampato il primo giornale in Europa e in Italia?

1609 – 1664

il primo giornale stampato apparve nel 1609 Intitolato Relation aller Fürnemmen und gedenckwürdigen Historien (“Resoconto di tutte le notizie importanti e memorabili”)

1609 è l’anno in cui apparve In Europa, e più precisamente a Strasburgo (all’epoca città di lingua tedesca), il primo giornale stampato.

Si Intitolava “Relation aller Fürnemmen und gedenckwürdigen Historien” : “Resoconto di tutte le notizie importanti e memorabili”.

di essere il giornale, tra quelli attualmente ancora in pubblicazione, più antico d'Italia e del mondo

1664 è l’anno di fondazione della Gazzetta di Mantova, ed è la data che le permette di potersi fregiare di essere il giornale, tra quelli attualmente ancora in pubblicazione, più antico d’Italia e del mondo

La Gazzetta di Mantova è tutt’ora un quotidiano d’informazione locale di Mantova e della provincia mantovana.

5) Quando sono nate le prime banconote?

806 – 1661

806 d.C. è l'anno in cui l'imperatore cinese Hien Tsung introdusse la prima volta l'uso di banconote di carta.

806 d.C. è l’anno in cui l’imperatore cinese Hien Tsung introdusse la prima volta l’uso di banconote di carta.

Chi possedeva metallo prezioso aveva interesse a depositarlo presso operatori specializzati nella sua conservazione e protezione dai ladri.

Inoltre aveva interesse a rivolgersi ai banchieri per trasferire i metalli preziosi senza doversi sobbarcare il costoso e rischioso trasporto.

Bastava trasferire il titolo finanziario e incassare il metallo presso un secondo orafo-banchiere, collegato al primo da legami di affari.

Viaggiatori come Marco Polo introdussero banconote nel continente nel XIII secolo.

1661 fu l'anno in cui le banconote di carta furono introdotte per la prima volta in Europa dal banchiere Palmistruch fondatore del Banco di Stoccolma che diventerà la Banca di Svezia

1661 fu l’anno in cui le banconote di carta furono introdotte per la prima volta in Europa dal banchiere Palmistruch fondatore del Banco di Stoccolma che diventerà la Banca di Svezia

Egli emise su vasta scala il sistema dei certificati di deposito sulla base delle quantità d’oro in suo possesso.

6) Quanti sono il numero dei colori pantone stampabili?

1.867 

1.867 è il numero di colori Pantone solidi che possono essere stampati – che mostra quanto lontano siamo arrivati ​​dalla stampa in bianco e nero. 

1.867 è il numero di colori Pantone solidi che possono essere stampati – che mostra quanto lontano siamo arrivati ​​dalla stampa in bianco e nero. 

Il set di guida formula PANTONE solido rivestito e solido non rivestito è lo strumento indispensabile per progettisti, stampanti e decisori a colori per specificare e approvare i colori spot nei progetti grafici, in particolare loghi, disegni e imballaggi.

Il set dispone di 1.867 colori solidi stampati su carta patinata e non patinata, per la maggior parte delle opzioni possibili per comunicare e specificare l’intento colore in modo preciso e sicuro.

Nuovi colori sono stati aggiunti alla parte anteriore delle guide, consentendo ai progettisti di trovare facilmente 112 nuovi mezzi di ispirazione, espressione e opportunità per la creatività.

I colori vengono visualizzati con numeri coordinati e formulazioni di inchiostro, in modo che le stampanti in qualsiasi parte del mondo capiscano chiaramente come ottenere i migliori colori quando si abbinano alla stampa.

7) Quando comparve la prima Cartolina?

1869

il 1° ottobre 1869 è l'anno in cui fu emessa per la prima volta dalla Posta austro-ungarica la famosa Correspondenz-Karte, non illustrata.

1° ottobre 1869 è la data in cui fu emessa per la prima volta dalla Posta austro-ungarica la famosa Correspondenz-Karte, non illustrata.

Incontrò un consenso tale da essere adottata da altri stati in meno di tre anni.

Si trattava di un cartoncino bianco dalla grafica essenziale: una cornice più o meno elaborata, il disegno stampato del francobollo, a volte lo stemma nazionale; dal lato del francobollo veniva scritto il nome e l’indirizzo del destinatario, dall’altro il messaggio.

Nonostante un mondo più digitale oggi, si ritiene che a livello globale ci siano ancora oltre 2 miliardi di cartoline inviate ogni anno, con i vacanzieri che colgono l’occasione per dire “Vorrei essere qui” ai propri cari.

8) Quando fu inventato l’inchiostro?

2.500 a.C.

2.500. a.C. - è il periodo in cui fu sviluppato l'inchiostro per la prima volta contemporaneamente sia dagli antichi egizi che dai cinesi

2.500. a.C. – è il periodo in cui fu sviluppato l’inchiostro per la prima volta contemporaneamente sia dagli antichi egizi che dai cinesi.

I primissimi inchiostri, naturalmente a tipo di scrittura, furono ideati e composti fin dalla più remota antichità.

Infatti, è al cinese Tien Chu, che visse sotto l’impero di Huan Ti ( terzo millennio a. C ), che si attribuisce l’invenzione del cosiddetto inchiostro di Cina, un inchiostro nero utilizzato per la scrittura, il disegno e la pittura.

Gli Egiziani ricavavano l’inchiostro nero dalla fuliggine delle lampade, mentre quello rosso era ottenuto con della terra rossa sciolta nell’acqua ed era usato per scrivere i titoli dei capitoli ed i nomi dei faraoni e degli dei; era inoltre utilizzato per mettere in evidenza certi passaggi del testo, la quantità delle droghe nei papiri medici.

9) Di quante copie fu la più grande tiratura di lancio per un libro?

12 milioni

12 milioni: è la tiratura iniziale più grande mai registrata per un libro. Harry Potter 7 - Harry Potter e i doni della morte

12 milioni: è la tiratura iniziale più grande mai registrata per un libro. 

Questa tiratura fu decisa per il lancio del settimo e ultimo libro della serie di Harry Potter “Harry Potter and the deathly Hallows” – “Harry Potter e i doni della morte” di JK Rowling quando è stato rilasciato nel 2007.

Il romanzo fu promozionato con una campagna pubblicitaria senza precedenti, con un budget di diversi milioni di dollari, e infatti battè il record mondiale di numero di libri venduti entro 24 ore dalla sua uscita.

10) Qual’è il numero di copie del libro più stampato al mondo?

5 miliardi 

5 miliardi è il numero di copie vendute e distribuite del libro più stampato al mondo – La Bibbia. 

5 miliardi è il numero di copie vendute e distribuite del libro più stampato al mondo – La Bibbia. 

Secondo il Guinness World Records del 1995, la Bibbia è il libro più venduto di tutti i tempi con una stima di 5  miliardi di copie vendute e distribuite.

Si stima che l’intera Bibbia sia tradotta in 349 lingue e che 2.123 lingue abbiano almeno un libro della Bibbia in quella lingua.

Ecco quindi i 10 fatti che abbiamo raccolto per celebrare l’International Print Day 2021.

Leggi anche:

NINESTAR PREVEDE UNA FORTE CRESCITA DEGLI UTILI PER I PRIMI TRE TRIMESTRI

Ninestar prevede una significativa crescita degli utili per i primi tre trimestri
Ninestar prevede una significativa crescita degli utili per i primi tre trimestri
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento